Credevo fosse immortale

Gianni Brera raccontato da Adalberto Scemma nel centenario della sua nascita.

L’8 settembre 1919 nasce a San Zenone, in provincia di Parma, Giovanni Luigi Brera, “padano di riva e di golena, di boschi e di sabbioni, nonché autorevole figlio legittimo del Po”. Giòann è stato tantissime cose: un grande scrittore e un superbo cronista, un fine letterato e un critico sagace e indipendente, un paracadutista e un partigiano, un poeta appassionato e un profeta della buona tavola, un saccheggiatore di cantine e un fumatore incallito, un padre attento e un temerario, un calciatore mancato e un maestro di tattica, un pugile e un “teorico” del “gran gioco”. Ma, su tutto, Brera è stato il creatore di una neolingua, di un universo verbale di echi e richiami che intrecciava i miti classici con il quotidiano raccolto delle vulgate popolari, l’architetto di un lessico moderno e anticonvenzionale che ha vinto, sul campo e fuori, ogni sfida con il tempo e la polvere.

Credits:

Progetto di Diego Alverà
Testo di Adalberto Scemma
Voce di Adalberto Scemma
Ripresa audio di Niccolò Ferrari
Post produzione e sound design di Ultimo Piano

Sigla di Ultimo Piano
Voce sigla di Andrea Diani
ricerche e inserti audio di Ultimo Piano
produzione di Pensiero visibile e Osteria Futurista

La nostra newsletter
crea dipendenza.

Raccogliamo per te notizie interessanti dal mondo podcast e
ti aggiorniamo sulle nuove uscite di Storie avvolgibili.

Ho letto e accetto i termini e le condizioni della Privacy Policy

Facci sentire
la tua voce.

Non vedi l’ora di fare un podcast con noi o vuoi sapere di più sulle nostre storie? Scrivici qui.